Berlusconi sarà al raduno: i tifosi sognano Ibra ma attenzione alla partenza di Ronaldinho

Berlusconi al raduo del Milan

Impettito: il Presidente Berlusconi mostra fieramente la sciarpa del Milan

Riparte da Milanello la stagione del Milan con le presentazioni, per nulla suggestive, dei vari Yepes, Amelia e Papastathopoulos. La presenza più attesa sarà dunque quella del Presidente Berlusconi che, a distanza di anni, tornerà ad aprire la stagione calcistica del “suo” Milan. A meno di urgenti impegni istituzionali il Premier parlerà dal raduno rossonero. Inevitabili le domande sul mercato di una squadra il cui futuro è, se non cupo, quantomeno misterioso. Inutile sognare una rifondazione, che Galliani ha ripetutamente smentito, ma la speranza è quella di parole rassicuranti per gli anni a venire di quello che Berlusconi ha ripetutamente definito “il primo amore”. Il clima sarà rovente, non solo per le temperature afose di questi giorni, ma anche per la contestazione della tifoseria prevista fuori dai cancelli del centro sportivo. Sono finiti gli anni della fiducia incondizionata per questa dirigenza ed i recenti successi dell’Inter hanno fatto spazientire il popolo rossonero, che domani si aspetta l’annuncio di un grande colpo, come era nello stile del Milan vincente in Italia ed Europa. Il sogno ha i contorni aspri del viso di Zlatan Ibrahimovic, in rottura col Barcellona e sempre più attirato dall’idea di contendere all’Inter lo scudetto. L’operazione si può fare a due condizioni: la prima è che il Milan riesca a piazzare Huntelaar (per evitare un esubero di prime punte), la seconda è che il Barcellona conceda il giocatore in prestito ( magari accollandosi anche parte dell’oneroso stipendio). Difficile, invece, che arrivino grandi nomi in altre zone del campo visto che Joe Cole sembra voler rimanere in Inghilterra e che per la difesa si ritiene di aver tappato tutti i buchi. Capitolo cessioni: Huntelaar è sempre nella lista dei partenti ma fatica a trovare un progetto serio da sposare, Gattuso ha la concreta richiesta dell’Olympiacos e sta valutando le condizioni offerte dal club greco. Qual’ora il centrocampista della nazionale dovesse partire alla corte di Allegri potrebbero giungere Lazzari oppure Diarra, sempre che Mourinho decida di liberare il giocatore. Ultima nota dolente è quella che riguarda Ronaldinho. Il Gaucho arriva oggi a Malpensa ed incontrerà subito Galliani per parlare del suo futuro (rinnovo o cessione). Le richieste sono quelle di Galaxy e Flamengo ma difficilmente Berlusconi farà partire il suo pupillo, soprattutto considerata l’importanza assunta dal giocatore nello scacchiere rossonero. Sarà un’altra estate caldissima per il Diavolo che, a dispetto del nome, ha sempre preferito stare in paradiso rispetto all’inferno in cui si ritrova ora.



Lascia un Commento

Powered by WordPress | Palm Pre Reviews at Palm Pre Blog. | Thanks to Juicers, Free MMO and Fat burning furnace