L’Inter cala il poker: Eto’o e Milito annientano il Bari

Coppia d'assi: Samuel Eto'o e il Principe Milito autori delle doppiette che stendono il Bari

Nella 4^ giornata di campionato, a San Siro, è di scena Inter Bari. Match, almeno sulla carta, impegnativo per la capolista, basti ricordare le zero vittorie, contro i pugliesi, nella passata stagione.

Gara a senso unico per 90 minuti, o meglio per 89, dato che il Bari parte fortissimo, e in soli 20 secondi di gioco, centra un palo con Almiron; dopo un’azione giocata a memoria. Una vera e propria doccia fredda per l’Inter, che però si sveglia e mostra i muscoli.

Inizia così il monologo nerazzurro, e dopo numerose occasioni, con diversi protagonisti, tra cui Sneijder, Pandev e Milito, raggiunge il meritato vantaggio proprio con un colpo di testa di quest’ultimo. Esultanza sfrenata per il “principe”, che ringrazia compagni e pubblico.

Ancora una volta però è sicuramente Eto’o l’uomo chiave dell’attacco nerazzurro: incontenibile sulla fascia di sinistra, sforna giocate e assist pregevoli ai compagni.

Finisce così il primo tempo, con ben 4 minuti di recupero.  Gli stessi minuti passano nella ripresa, prima che Rossi intervenga inspiegabilmente  di mano in piena area di rigore. Penalty sacrosanto realizzato da Samuel Eto’o.

Al 18° viene concesso un ulteriore rigore all’Inter, questa volta quanto meno dubbio, per un intervento in scivolata su Lucio. Sul dischetto si presenta nuovamente il numero 9 che cambia lato ma non risultato, e sale a quota 5 reti in 4 partite.

A 4 minuti dal termine arriva la doppietta anche per Milito, dopo una splendida intesa tra Coutinho e Stankovic.

Risultato finale forse anche troppo ampio, visti il palo e un rigore molto generoso, ma ciò non deve certo ridimensionare la vera e propria prova di forza dei campioni in carica.

Impossibile trovare una bocciatura nell’undici di Benitez, ed altrettanto arduo trovare un singolo migliore in campo: tra il ritrovato Milito, il rientro fondamentale di Snejider e l’incredibile stato di forma di Eto’o.

Forse proprio il camerunense è da considerarsi “man of the match” decisivo con due reti e un assist, sembra danzare con la palla, e far impazzire le retroguardie avversarie; chiedere conferma al povero Pulzetti.

GIANLUIGI S.



Lascia un Commento

Powered by WordPress | Palm Pre Reviews at Palm Pre Blog. | Thanks to Juicers, Free MMO and Fat burning furnace