Brasile e Portgallo non si fanno male, alla Costa d’Avorio non basta il 3 a 0

Ronaldo e Daniel Alves: anche per loro solo fischi

In altre circostanze questa sarebbe stata delle partite più spettacolari che il mondiale sudafricano avrebbe potuto regalarci. Invece, come ampiamente pronosticabile, Brasile e Portogallo hanno optato per il più classico dei “biscotti”: uno 0 a 0 scialbo, senza emozioni, che consegna gli ottavi finale ad entrambe le selezioni. Peccato. A farne le spese, oltre ai 63mila paganti, la Costa d’Avorio a cui non bastano i tre gol rifilati alla Corea del Nord; non sarebbero comunque stati sufficienti a causa della differenza reti, clamorosamente a vantaggio dei lusitani per le 7 reti segnate alla Corea. Abbandona così il mondiale la formazione africana più forte. Gli ivoriani pagano ancora un po’ di inesperienza ma soprattutto una sfortuna incredibile nei sorteggi: dopo aver pescato Argentina, Olanda e Serbia Montenegro in occasione di Germania 2006, anche quest’anno si è ritrovata nel girone di ferro della competizione. Per Drogba e compagni gli ottavi sono sempre più una chimera.

Il palo di Nilmar

Per la cronaca, nel match tra verdeoro e portoghesi, da segnalare un palo di Nilmar, un bel tentativo di Luis Fabiano, una clamorosa occasione fallita da Raul Meireles e, all’ultimo secondo,  un tiro deviato di Ramires ben neutralizzato da Eduardo. Alla fine solo fischi per Ronaldo e tutti i mancati protagonisti di questa sfida.

Fuori con onore

La Costa d’Avorio spera nella goleada: passa subito con Yaya Tourè e Romaric. Poi i coreani prendono le misure alla squadra di Eriksson. Il tempo passa e non arrivano buone notizie: si spegna anche Drogba e con lui tutte le speranze di qualificazione. Nel finale Kalou si toglie la soddisfazione di siglare una rete al mondiale. Gli elefanti ivoriani  e gli asiatici salutano il Sudafrica.



Lascia un Commento

Powered by WordPress | Palm Pre Reviews at Palm Pre Blog. | Thanks to Juicers, Free MMO and Fat burning furnace