Krasic rischia la prova tv per simulazione: la Juve a San Siro senza la “furia” serba.

Voto 10 al tuffo di Krasic che ha tratto in inganno la terna arbitrale a Bologna

Che Milos Krasic ci tenesse a rievocare Pavel Nedved ci era chiaro da tempo visto il caschetto biondo e quelle sfuriate sulla fascia che hanno reso celebre il centrocampista ceco. Ma il nuovo idolo della tifoseria bianconera non ha solo preso i pregi del grande Pavel ma bensì anche qualche difetto che probabilmente gli costerà il big match di sabato prossimo contro il Milan. Nella gara di ieri infatti Krasic si è reso protagonista di una simulazione che ha permesso alla Juve di usufruire di un calcio di rigore (poi sbagliato da Iaquinta). Il tuffo del numero 27 bianconero è chiaro in quanto il contatto con Portanova non avviene e il suo atteggiamento può essere classificato tra quelli antisportivi e quindi punito dalla prova tv.
Purtroppo i precedenti remano contro la Juventus partendo dalla squalifica del connazionale Ilic nel 2005, a quella di Adriano nel 2007 dopo il tuffo in Inter-Roma, fino ad arrivare a quella che fermò Marcelo Zalayeta dopo la famosa sfida tra Napoli e Juve.
L’articolo 9, in tal senso, sembra proprio destinato a non lasciare scampo alcuno alla società bianconera dal momento che sembrano esserci tutti i presupposti per una squalifica di almeno 2 giornate.



Lascia un Commento

Powered by WordPress | Palm Pre Reviews at Palm Pre Blog. | Thanks to Juicers, Free MMO and Fat burning furnace